Crea sito

Rimedi soft anticellulite

 

Creme, diete, massaggi, integratori, ginnastica mirata: i metodi che promettono un aiuto per liberarsene sono davvero moltissimi, la pelle “a buccia d’ arancia” è senza dubbio l’ inestetismi più temuto dalle donne. Anche in natura, però, si possono provare validi alleati per combatterla.

A causa del tipo di ormoni e di tessuto sottocutaneo differente, la cellulite è un problema prevalentemente femminile (ne soffrono 8-9 donne su 10), ma anche il genere maschile può esserne colpito (fino a 3-4 uomini di 10), di solito in forma lieve, localizzata sull’addome.

Sono molte le cause all’ origine del problema

La cellulite (pannicolopatia edomato-fibro-sclerotica) nasce dell’alterazione dell’ equilibrio del sistema linfatico e venoso, che comporta un rallentamento del flusso sanguigno e ritenzione di liquidi da parte delle cellule; in pratica, si crea un’ ostruzione del tessuto adiposo sottocutaneo da cui ha origine un’infiammazione che si manifesta tramite gli antiestetici cuscinetti.

💠Le cause possono essere molte:

la predisposizione genetica, cioè la tendenza ereditaria a soffrirne;

il sovrappeso;

disfunzioni ormonali: un’insufficiente funzionalità della tiroide causa un rallentamento di diverse funzioni, tra cui l’ eliminazione dei liquidi in eccesso;

disfunzioni vascolari: problemi al circolo venoso determinano un ristagno di liquidi;

una cattiva alimentazione: alcuni alimenti favoriscono l’ aumento di tossine (carne suina, cibi in scatola, alcol, zuccheri raffinati);

lo stress: una vita frenetica, che non rispetta le richieste e i ritmi del corpo, causa un generale cattivo funzionamento dell’organismo;

problemi a livello epatico, digestivo e intestinale o renale: il malfunzionamento organico impedisce la corretta alimentazione delle tossine, con un conseguente accumulo di liquidi nei tessuti.

PUÒ ESSERE DI 3 TIPI:

EDEMANTOSA Colpisce solitamente individui con una buona forma fisica e muscolatura tonica, come per esempio chi pratica sport; perlopiù si tratta di semplice ritenzione idrica. Si manifesta nella zona delle caviglie, dei polpacci, delle cosce e delle braccia.

FIBROSA Si manifesta generalmente in persone di mezza età;

SCLEROTICA È la più antiestetica e problematica; è caratterizzata da un forte ristagno di liquidi che causa ai tessuti un aspetto gonfio, spugnoso e spesso dolorante. Colpisce chi ha una cattiva circolazione ed è più concentrata sui glutei e sul bacino.

L’ AIUTO DELL’OMEOPATIA

Ci sono rimedi omeopatici base, indicati per tutti i tipi di cellulite. Sono Pulsatilla 5 CH, che agisce contro l’ indurimento dei tessuti e la pelle dolente; Badiaga 5 CH, che contrasta la stasi venosa e favorisce l’ eliminazione di scorie sottocutanee, responsabili dell’effetto buccia d’ arancia; Bovista 5 CH, che aiuta a combattere la ritenzione idrica. Si consiglia di prendere 5 granuli per tipo, mattina e sera. (Sono rimedi naturali che si possono prendere sia per bocca o applicare localmente, il vostro erborista saprà consigliarvi).

💠 A seconda delle caratteristiche soggettive della persona, si può poi aggiungere ai rimedi base uno tra i seguenti rimedi omeopatici, in granuli monodose

Calcarea carbonica 200 CH è indicato per la donna sedentarea, un po’ pigra e che tende ad ingrassare facilmente; una persona a cui piace particolarmente mangiare, quasi per coccolarsi. accumula cellulite in tutto il corpo.

Calcium sulfuricum 200 CH è adatto alla donna iperattiva, sempre in movimento; una persona tendenzialmente golosa, la cui dieta è ricca di pietanze saporite e di dolci, ma che non necessariamente tende ad ingrassare. La cellulite è circoscritta a cosce e glutei.

Thuya 200 CH è consigliato alla donna orientivamente magra, con cellulite localizzata nella parte inferiore del corpo. Una persona che si stressa facilmente ed è tendenzialmente depressa.

💠 Tra questi tre tipi di rimedi, da associare al trittico di base, quello adatto deve essere preso due volte al mese, preferibilmente nei giorni di luna piena o di luna nuova (momenti in cui i liquidi l corpo influenzati dal ciclo lunare, “rispondono” maggiormente).

L’ AIUTO DEI FIORI DI BACH

Possono essere utilizzati sotto forma di gocce da prendere per via orale; localmente si possono aggiungere all’acqua del bagno o del pediluvio o ancora possono essere incorporati ad una crema per il corpo.

In gocce

La preparazione per i fiori di Bach richiede sempre una base di 3/4 di acqua e 1/4 di brandy in una boccetta di vetro da 30 ml.

💠 Vanno aggiunte poi 3 gocce di Chicory (per contrastare la congestione venosa); 3 gocce di Crab Apple (per un’azione purificante); 3 gocce di Willow (contro la ritenzione dei liquidi)

💠 Si possono aggiungere gocce di Walnut (fiore del cambiamento) se la cura è destinata a una donna che sta vivendo un incisivo cambiamento ormonale.

💠 Prendere 4 gocce, 4 volte al giorno.

Localmente

Olive, Centaury e Clematis sono indicati per migliore la circolazione, mentre Hornbean aiuta a rassodare e Star of Bethlehen è indicato in caso di pelle a buccia d’arancia, dovuta a retrazione fibrosa.

💠 Nell’acqua della vasca: aggiungere alla’ acqua due gocce per tipo; mescolare l’ acqua con movimento rotatorio, in senso orario. Stare in ammollo circa 10 minuti.

💠 Come pediluvio: aggiungere all’acqua 1 goccia per tipo e lasciare i piedi a bagno per 10 minuti.

💠 In crema: usare una crema fluida per il corpo (da massaggiare mattina e sera). In un contenitore di vetro, unire 4 gocce di ogni fiore a 10 ml di crema. 

L’AIUTO DELLA FITOTERAPIA

Le piante possono essere utilizzate singolarmente o in composti per sfruttare la loro azione sinergica; si possono prendere sotto forma di tisane, compresse o capsule, tinture madri o decotti.

Gambo d’ananas: migliora la circolazione sanguigna e linfatica, e svolge un’azione antinfiammatoria, grazie alla bromelina (antinfiammatorio naturale) in esso contenuta.

Tarassaco e meliloto: agiscono sul ristagno pelvico, depurano dalle tossine, aiutano la digestione e svolgono un’azione drenante. Alleggeriscono la sensazione di pesantezza negli arti inferiori.

Betulla: è tra le erbe più importanti per contrastare la cellulite e ridurre visibilmente gli inestetismi da essa causati, anche grazie alla sua azione depurativa e drenante.

Pilosella: svolge un’azione simile alla betulla; è un potete diuretico naturale, agisce in particolar modo sulla ritenzione idrica causata da disordini alimentari o trattamenti farmacologici.

Ginepro: è depurativo e aiuta a sbloccare le tossine accumulate nella cellula.

Centella asiatica: migliora il microcircolo.

Agrumi: contrastano la cattiva circolazione.

💠Per ottenere un’azione depurativa, è consigliato bere una tisana, composta da una o più tra queste piante, prima dei due pasti principali.

💠 Se la cellulite è associata a un disturbo digestivo e/o intestinale, l’ ideale è bere a fine pasto una tisana che contenga almeno una pianta tra ananas, cumino, zenzero o papaia. Se la disfunzione intestinale è legata alla presenza di gas, è consigliato anche l’ utilizzo dell’anice.

L’AIUTO DELL’AROMATERAPIA

Gli oli essenziali svolgono un’azione drenante sui ristagni linfatici, utile quindi alla cura della cellulite, attraverso massaggi che stimolino la circolazione. Si utilizzano diluiti in acqua di mandorle (10 gocce per 100 ml di olio) o in una base di crema fluida per il corpo, oppure nella vasca per bagni tonificanti.

Olio essenziale di rosmarino: ha un’azione lipolitica (scioglie i grassi), stimolante della circolazione periferica, depurativa e drenante sul sistema linfatico.

Olio essenziale di cipresso: depurativo e stimolante della circolazione periferica.

Olio essenziale di limone/arancia: aiutano la tonicità, stimolano il sistema circolatorio linfatico e venoso; ottimo per alleviare la sensazione di pesantezza nelle gambe.

Olio essenziale di menta: è un valido aiuto contro la sensazione di pesantezza negli arti inferiori grazie alla sua azione rinfrescante e tonificante

✔ Olio essenziale di betulla: aiuta a prevenire problemi venosi e disturbi circolatori; attenua la pesantezza nelle gambe, lavora sui ristagni e favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Olio essenziale di sedano: svolge un’azione diuretica e stimola la microcircolazione contrastando la stasi venosa e linfatica.

Olio essenziale di ginepro: slocca gli accumuli causati da ritenzione e cattiva circolazione; è consigliato come rimedio per la cellulite “antica”, quella cioè presente da molto tempo e, quindi, più problematica da eliminare. 

 

Comments are Closed